Dopo una lunga discussione l’Italia ha recepito la direttiva europea Barnier, ovvero la normativa che impone una serie di criteri nel campo del mercato del diritto d’autore, tra cui maggiore trasparenza e controllo sui prodotti musicali da parte degli artisti.

Un punto fondamentale è la liberalizzazione del mercato, direzione verso cui la direttiva è un passo decisivo. Un elemento che ovviamente ha fatto molto discutere in Italia, data la condizione di monopolio rappresentanta dalla Siae.

Sul tema si è discusso molto, data la schizofrenia apparente contenuta nella normativa Barnier, che da un lato liberalizza il mercato, ma dall’altro non va a proibire esplicitamente condizioni di monopolio nel diritto d’autore.

Sul tema è intervenuto anche l’Antitrust, che ha sottolineato l’interpretazione della direttiva per cui il monopolio dovrebbe decadere.

Una lettura non condivisa dal Ministro della Cultura Dario Franceschini e dal PD, che insieme ad una maggioranza trasversale ha votato contro l’abolizione dell’esclusiva alla SIAE.

Intanto in Italia si diffondono due diverse società per la tutetale del diritto d’autore: Soundreef, azienda privata con sede in Gran Bretagna, motivo per cui riesce ad operare nel nostro paese, che offre servizi di protezione a condizioni più vantaggiose rispetto alla SIAE.

Inoltre c’è Patamu, società indipendente, che sperimenta forme nuove, come un sistema di autoriscossione degli artisti durante le perfomance musicali, indipendente dai borderò Siae, e un sistema semplice e informatizzato di marcatura del proprio lavoro.

La velocità delle trasformazioni del mondo reale, al solito supera di gran lunga la capacità di adeguarsi del sistema. Probabilmente si tratta davvero dell'inizio di una trasformazione radicale nel campo della tutela del diritto d'autore, ma le nostre istituzioni sembrano non volersene accorgere. L'ANAP ha deciso di non stare a guardare ma di far sentire la voce dei settori dello spettacolo dal vivo rappresentanti: questo è l'obiettivo dell'incontro nazionale del 13 Agosto a Santa Sofia (FC), in occasione del Festival Internazionale "Di Strada in Strada".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *