1391495_603657193006126_880899384_n-500x3601

Con Open Street aisbl le arti performative italiane si aggiudicano due finanziamenti europei per due progetti che vedono capofila i comuni di Certaldo (con il Festival Mercantia) e Montegranaro (con il Festival Veregra Street).

In occasione della Call di Novembre 2016, per le azioni di cooperazione internazionale del programma CREATIVE EUROPE, l'Italia è stato il paese europeo che ha presentato più progetti in assoluto. E questa è ormai una tradizione. Sono stati ben 87 per la sezione SMALLER SCALE e 19 per la sezione LARGER SCALE. La stessa tradizione vuole però che il nostro paese non sia tra i primi del continente nella percentuale di successo delle domande di contributo. Solo 11 progetti nella prima sezione e 2 nella seconda sono passati. La notizia è che, di questi 11, 2 sono progetti ideati ed elaborati da Open Street aisbl, associazione internazionale che ha una collaborazione ormai organica e stabile con l'ANAP. Si tratta di progetti che coinvolgono due festival storici del nostro settore: Mercantia di Certaldo e Veregra Street di Montegranaro.

Per il triennio 2018-2020 Mercantia diverrà il punto di riferimento in Europa per un programma di ricerca sul teatro delle origini, con l'obiettivo di analizzare compiutamente il rapporto tra il teatro di matrice religiosa e quello di estrazione popolare che vede come principale interprete il buffone. "Mysteries & Drolls" è infatti un progetto frutto della cooperazione tra il più longevo dei Festival del teatro di strada italiani, il Festival of Fools di Belfast (UK) e tre centri di produzione rispettivamente in Polonia, Germania e Spagna. Nel piano di attività sono previste iniziative di formazione e produzione, due vetrine internazionali e una specifica sezione di programmazione all'interno dei due festival dedicata al tema di riferimento.

Nello stesso arco di tempo Montegranaro guiderà un ambizioso programma di lavoro sull'uso degli spazi non convenzionali per la promozione delle arti performative che normalmente operano nelle sale e in altri luoghi protetti. Lavorando sulla tecnica del Flash Mob, e utilizzando il know how delle arti di strada, "Poetic Invasion (of the Cities)" porterà nei 3 anni filarmonici, orchestrali, ballerini classici e altri performer ad impadronirsi delle città coinvolte per realizzare eventi finanziati dal programma. Anche questo progetto prevede iniziative formative e a carattere promozionale.

Ciascuno dei due progetti è stato finanziato per 200.000 €, e il totale delle attività previste si attestano sui 700.000 € di spesa complessiva. Molto, moltissimo lavoro da fare. Due grandi occasione per le performing arts italiane.
 

A questa pagina gli esiti di CREATIVE EUROPE con l'elenco dei progetti e dei soggetti finanziati a seguito della Call del Novembre scorso: https://eacea.ec.europa.eu/creative-europe/selection-results/support-european-cooperation-projects-2017_en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *