Il 15 Giugno 2018 il Presidente ANAP Carlo Lanciotti e il Direttore Alessio Michelotti, sono stati ricevuti da Claudio Bocci, Direttore Generale di Federculture, la Federazione delle Aziende e degli Enti di gestione di cultura, turismo, sport e tempo libero.

Federculture, nata nel Giugno 1997, è una realtà unica nel panorama nazionale: rappresenta oggile più importanti aziende culturali del Paese, molte di esse vere e proprie eccellenze anche a livello europeo, insieme a RegioniProvince, Comuni, e tutti i soggetti pubblici e privati impegnati nella gestione dei servizi legati alla cultura, al turismo, e al tempo libero.

Federculture sostiene la valorizzazione del patrimonio e delle attività culturali per contribuire a orientare lo sviluppo locale; dà impulso a campagne di sensibilizzazione e interventi legislativi a favore del settore; incoraggia attività di ricerca; progetta e promuove modelli gestionali innovativi che favoriscano la qualità, la produttività e l’organizzazione dei servizi culturali, in una logica di collaborazione tra pubblico e privati.

Per questo la mission di Federculture è particolarmente vicina alle attività rappresentate dall’ANAP che spesso si innestano nel quadro del proficuo rapporto tra pubblico e privato, per la promozione della dimensione sociale e collettiva delle Arti Performative, avendo come punto di riferimento la vita della comunità.

I valori e le battaglie di Federculture sono pienamente condivisi dall’ANAP, il quale si è espresso per una prossima adesione dell’Associazione Nazionale delle Arti Performative, al progetto Federativo di Federculture. L’incontro è stato cordiale e ricco di spunti, anche su temi critici quali la scarsa attenzione delle istituzioni centrali nei confronti delle nostre attvità.

L’ingresso dell’ANAP in Federculture può certamente portare a rafforzare la nostra strategia per avere accesso a tavoli importanti. In occasione della prossima assemblea ANAP, questa ipotesi sarà oggetto di un confronto con la base, anche per valutare gli oneri economici che per l’Associazione ne deriverebbero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *